Ecobonus e Bonus ristrutturazioni 2019: on line i siti per le comunicazioni all’ENEA


14 marzo 2019
Sono operativi da ieri, lunedì 11 marzo, i due siti dell'ENEA attraverso cui trasmettere i dati relativi agli interventi di risparmio energetico che accedono all'Ecobonus e al Bonus ristrutturazioni effettuati nel 2019. I siti sono raggiungibili dalle pagine detrazionifiscali.enea.it e acs.enea.it o dalla home page ENEA enea.it. Si ricorda che il termine per la trasmissione dei dati all'ENEA è di 90 giorni dalla data di fine lavori e che per gli interventi la cui data di fine lavori è compresa tra il 1� gennaio 2019 e l'11 marzo 2019, il termine di 90 giorni decorre dall'11 marzo (invio entro il 10 giugno). Tramite i due portali sarà possibile inviare la documentazione: -degli interventi che usufruiscono della detrazione IRPEF/IRES per il risparmio energetico Ecobonus [1] (https://ecobonus2019.enea.it) secondo le diverse percentuali di detrazioni del previste per gli interventi sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni condominiali nelle percentuali: del 50% e del 65% in via ordinaria (entro dei massimali di spesa previsti per i vari tipi di intervento); del 70% e del 75% esclusivamente per gli interventi sulle parti comuni condominiali (entro un ammontare massimo di spesa 40.000 euro moltiplicato per le unità immobiliari); dell'80% e dell'85% esclusivamente per gli interventi sulle parti comuni condominiali che siano realizzati nelle zone sismiche 1, 2, e 3 congiuntamente finalizzati alla riduzione del rischio sismico (limite massimo di spesa previsto 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari). -degli interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti rinnovabili che usufruiscono della detrazione IRPEF per le ristrutturazioni edilizie[2](https://bonuscasa2019.enea.it) nella percentuale del 50% su un limite massimo di spesa di 96.000 euro, attualmente[3] prevista per le spese relative a interventi effettuati sia su singole unità abitative che su parti comuni condominiali. Si ricorda che l'obbligo di comunicazione all'Enea per questo tipo di interventi è stato introdotto dalla legge di Bilancio 2018 (legge 205/2017) allo scopo di monitorare il risparmio energetico conseguito anche attraverso questo tipo di lavori [4]. Si ricorda che, per gli interventi di ristrutturazione che fruiscono della detrazione del 50%, entro il limite di spesa di 96.000 euro e che non comportano risparmio energetico, non è necessario inviare alcuna comunicazione all'ENEA. [1] Cfr. art. 14, DL 63/2013 convertito con modifiche nella legge 90/2013, cfr. da ultimo ANCE ''Ecobonus: on line la Guida dell'Agenzia delle Entrate aggiornata al 2019'' - ID N.35063 del 14 febbraio 2019. [2] Cfr. art.16-bis del DPR 917/86 e cfr. da ultimo ANCE ''Bonus Ristrutturazioni e Bonus mobili: l'Agenzia delle Entrate aggiorna le guide'' - ID N. 35071 del 15 febbraio 2019. [3] La detrazione prevista a regime che, salvo ulteriori proroghe, sarà vigente a partire dal 1� gennaio 2020, consente di detrarre una percentuale di spesa pari al 36% fino ad un ammontare massimo di spesa di 48.000 euro per unità immobiliare (cfr. art. 16-bis DPR 917/86). [4] Cfr. ANCE ''Bonus Ristrutturazioni: all'ENEA una nuova informativa sui lavori effettuati'' - ID N. 32104 del 29 marzo 2018.